C’è un posto nel mondo dove possiamo sentirci ancora sicuri: le braccia della mamma.

/ / News

Quale miglior modo di concludere questa settimana dedicata alla “Sicurezza” se non con la celebrazione della figura che, non si può negare, rappresenta la sicurezza in persona?

Di chi stiamo parlando? Della Mamma. Dal primo vagito, la mamma, è il nostro porto sicuro.

Colei a cui ci rivolgiamo quando qualcosa non va. Colei che è sempre attenta a noi.

Hai mangiato? Sei stanco/a? Qualcosa non va?

 

Potremmo paragonare la figura della mamma a quella del “controllo qualità” in un’ impresa.

Pensateci. La mamma è un grande elemento di qualità della famiglia.

Un vero e proprio “termometro” sempre attivo, che dice sempre se va tutto bene.

E se qualcosa non va, lei è lì. Pronta a trovare una soluzione.

Come faremmo senza di loro?

 

Oggi, volevamo dedicare a tutte le mamme una bellissima poesia di Alda Merini che, a nostro parere,

racconta ed esprime, con bellissime parole, la bellezza delle mamme e della loro capacità di essere il nostro “posto sicuro”.

Tra le tue braccia di Alda Merini

C’è un posto nel mondo
dove il cuore batte forte,
dove rimani senza fiato,
per quanta emozione provi,
dove il tempo si ferma
e non hai più l’età;
quel posto è tra le tue braccia
in cui non invecchia il cuore,
mentre la mente non smette mai di sognare…
Da lì fuggir non potrò
poiché la fantasia d’incanto
risente il nostro calore e no…
non permetterò mai
ch’io possa rinunciar a chi
d’amor mi sa far volar.